Editoriale 1930

Per i primi dieci anni, Erich Schairer ha scritto articoli editoriali settimanali per il suo "Sonntags-Zeitung" praticamente senza lacune. Solo negli anni 1931 e 1932 il suo collega Hermann List divenne temporaneamente un editore. >> leggi tutto

Editoriale 1931

Per i primi dieci anni, Erich Schairer ha scritto articoli editoriali settimanali per il suo "Sonntags-Zeitung" praticamente senza lacune. Solo negli anni 1931 e 1932 il suo collega Hermann List divenne temporaneamente un editore. >> leggi tutto

Editoriale 1932

Per i primi dieci anni, Erich Schairer ha scritto articoli editoriali settimanali per il suo "Sonntags-Zeitung" praticamente senza lacune. Solo negli anni 1931 e 1932 il suo collega Hermann List divenne temporaneamente un editore. >> leggi tutto

Editoriale 1933

Per i primi dieci anni, Erich Schairer ha scritto articoli editoriali settimanali per il suo "Sonntags-Zeitung" praticamente senza lacune. Solo negli anni 1931 e 1932 il suo collega Hermann List divenne temporaneamente un editore. >> leggi tutto

Il Reichstag tedesco è sull'21. March si era unito a una cerimonia sconosciuta: seppellirsi. La storia è ricca di ironia. Ma un parlamento che si spegne in questo modo, una parlamentare ha sanzionato la dittatura come l'attuale tedesco: questo non è davvero un evento banale. >> leggi tutto

La vittoria della svastica in Germania all'5. Marzo è la vittoria di un'abile campagna di propaganda senza precedenti. Se ora, come si sente, si dovrebbe creare uno speciale ministero di propaganda per uno dei principali investigatori della campagna elettorale nazionalsocialista, Herr Goebbels, sarebbe una chiara prova del significato che il governo stesso attribuisce a uno strumento virtuoso , >> leggi tutto

Mi sembra solo così, o il nuovo Cancelliere tedesco ha davvero questa sorprendente somiglianza con Guglielmo II di Hohenzollern? ... Chiunque si opponesse a lui, voleva schiacciarlo (ad esempio i malvagi socialdemocratici); intendeva condurre la sua gente in tempi gloriosi; era l'imperatore della pace e poi è scivolato in una guerra. (E ha perso la guerra.) >> leggi tutto

È tragico che oggi si debba predicare al proletariato quello che disse un politico borghese circa 25 anni fa, cioè in un'epoca in cui non c'era il fascismo, e con un sistema che rispetto a oggi è quasi "parlamentare" “Potrei chiamare. In un certo senso si può parlare di tragedia "dialettica". Tesi: l'intera situazione richiede imperativamente l'unificazione proletaria. Antitesi: questo accordo è impossibile per il momento. >> leggi tutto

C'è una cosa positiva nella grande crisi economica in cui ci troviamo: trasmette istruzioni visive sul sistema capitalista, sotto il cui dominio le persone possono morire di fame oltre al pieno logoramento. >> leggi tutto

La carta d'identità è entrata in casa. Numero così e così. Seggio elettorale qua e là. Cosa fai? Stai a casa? Ma verranno nel pomeriggio, i rimorchiatori, e irradieranno rabbia dolce. In realtà, davvero. Dopotutto, sei un cittadino, vero? >> leggi tutto