Abraham Gumbel

Abraham Gumbel, nato il 21 ottobre 1852 a Stein am Kocher, morì il 25 dicembre 1930 a Heilbronn. Fonte: Heilbronn City Archives.

Banchiere rivoluzionario, socialdemocratico e pacifista

Abraham Gumbel è stato cofondatore dell'associazione locale socialdemocratica e della Volksbank. Ha anche guidato il movimento per la pace di Heilbronn. L'uomo che ha lasciato segni profondi è stato a lungo dimenticato.

Articolo tratto dalla voce di Heilbronn del 17 agosto 2019 di Christian Gleichauf

Se il figlio di un noto banchiere è in viaggio come attivista di sinistra, allora questo può essere liquidato come idealismo giovanile. Quando questo figlio in seguito si batte anche per una tassa di borsa come banchiere, quando il capo della banca apre la banca corre dalla gente comune, continua a prendere una posizione politica e attacca pubblicamente il capo di stato in carica in un momento turbolento, allora questo è estremamente non convenzionale. Il banchiere rivoluzionario si chiamava Abraham Gumbel e all'inizio del XX secolo godeva della più alta reputazione dell'intero Unterland. Co-fondatore della SPD in città, finanziatore di un nuovo giornale, fondatore della Volksbank, leader del movimento per la pace. La domanda è: perché è stata dimenticata per così tanti decenni?

Sei anni fa Ulrich Maier ha scritto un articolo su Abraham Gumbel per la serie “Heilbronner Köpfe”. L'ex insegnante di tedesco e di storia al Justinus-Kerner-Gymnasium di Weinsberg, che ora vive a Sipplingen, ha solo una spiegazione rudimentale per il disinteresse di lunga data: "Era scomodo". Ciò che Maier ha portato alla luce dagli archivi lo ha fatto sedere e prendere nota .

Gumbel proveniva da una famiglia ebrea. Suo nonno, che era anche chiamato Abraham, era l'ospite della "Black Eagle" a Stein am Kocher. Suo figlio Isaak fece i suoi primi soldi in banca e si trasferì con la sua famiglia a Heilbronn nel 1860, dove ricevette i diritti civili e acquistò l'ex ostello per la corona direttamente sulla piazza del mercato accanto alla chiesa di Kilian. Isaak Gumbel fondò una banca insieme a suo fratello Moses, che si faceva chiamare Max, dove si dice che abbia vissuto Götz von Berlichingen.

Dal XV secolo in poi, gli ebrei non ebbero più la possibilità di prendere piede a Heilbronn. Ciò è cambiato solo con le cosiddette leggi sull'emancipazione e l'uguaglianza giuridica degli ebrei nel Württemberg nel 15. Gumbel sapeva come usare i nuovi diritti con sicurezza, ma voleva anche integrarsi nella società - "come molti ebrei a quel tempo", sottolinea Ulrich Maier. Molto, tuttavia, è andato ben oltre il solito tentativo di "assimilazione".

Dopo aver frequentato il Karlsgymnasium, Abraham lavorò nella banca di suo padre. Inoltre, nel 1877 fondò un'associazione locale socialdemocratica insieme a un certo maestro falegname Gustav Kittler e fu quindi co-fondatore del DOCUP nella regione. Un anno dopo scrisse un volantino per il quale Kittler andò persino in prigione per diverse settimane.

Dopo alcuni anni a Reutlingen e probabilmente anche a Parigi, Gumbel tornò a Heilbronn nel 1887, dove inizialmente lasciò l'SPD. "Un ebreo e un socialista, secondo il parere di suo padre sarebbe stato un po 'troppo in quel momento", suppone Ulrich Maier. Tuttavia, Gumbel è rimasto in contatto con i compagni sullo sfondo.

Anche come banchiere, Abraham Gumbel non aderiva alle convenzioni e alle aspettative. Anche prima del suo ritorno a Heilbronn, si era pronunciato in un articolo a favore della tassa di borsa introdotta nel 1885 - e così iniziò un dibattito nell'SPD, che rifiutò questa tassa perché il cancelliere Bismarck l'aveva introdotta. Una simile ideologia sembrava estranea a Gumbel, anche se indirettamente influiva sugli affari della sua famiglia.

Nonostante o per queste convinzioni, Isaac Gumbel considerava Abraham il successore adatto come direttore di banca. E dopo aver rilevato l'attività nel 1889, Abraham rese immediatamente sua moglie Elise una firma autorizzata.

Ha continuato la linea di suo padre rifiutando le transazioni speculative. Questo divenne un vantaggio quando nel 1901 la Heilbronner Gewerbebank crollò a causa di perdite speculative. La banca "Gumbel am Markt" ha espressamente escluso tali transazioni speculative - e non è stato a suo svantaggio. Gli affari andavano bene. Nel 1906 Abraham Gumbel fece demolire il vecchio edificio per uffici vicino alla chiesa di Kilian e sostituirlo con un nuovo imponente edificio.

Dopo un breve collegamento con una banca di Stoccarda e la trasformazione in una società per azioni, Gumbel ha deciso di adottare un approccio diverso: si è separato dal suo socio e ha ribattezzato la sua banca privata in "Heilbronner Bankverein": d'ora in poi, i privati ​​possono partecipare per la prima volta a una banca Heilbronner . Circa 100 investitori hanno raccolto il capitale sociale di 600.000 marchi.

La prima guerra mondiale iniziò per la famiglia - Abraham ed Elise Gumbel avevano due figli e una figlia - con la morte del loro figlio maggiore Max nelle prime settimane di guerra. Un colpo del destino che ha rafforzato l'atteggiamento pacifista di Gumbel. In pochi anni divenne il "capo teorico capo" della Società tedesca per la pace a Heilbronn.

Abraham Gumbel è rimasto attivo anche come giornalista. Con il suo sostegno finanziario, l'SPD ha fondato la "Neckar-Echo" nel 1908 - a proposito, il finanziamento della società di stampa è stato organizzato su base cooperativa. Aveva uno stretto rapporto con il redattore capo del "giornale della domenica" di sinistra Erich Schairer (che divenne redattore capo della "Stuttgarter Zeitung" dopo la guerra). In vari giornali e riviste ha preso posizione contro la colpevolezza di guerra tedesca, che è stata negata nel resto della stampa. Gumbel non ha usato mezzi termini con lo pseudonimo di Emel. Quando nel 1924 volle parlare al Partito popolare nazionale liberale tedesco, fu messo a tacere e le sue dichiarazioni insultate come "comuniste".

Abraham Gumbel non si occupava solo della questione accademica di come potesse scoppiare la prima guerra mondiale. Temeva una nuova guerra, il rafforzamento delle forze monarchiche e nazionaliste. Come dovrebbe essere giusto. Nel 1930, tuttavia, morì all'età di 78 anni prima che i nazionalsocialisti salissero al potere. Fu sepolto nel cimitero principale. La Volksbank ha prolungato il periodo di riposo di altri 1960 anni nel 15. Ma quando è scaduto nel 1975, sembrava che né il DOCUP né il movimento per la pace fossero interessati a ciò che ne sarebbe stato. La Volksbank restituì la tomba nel 1975. Dovrebbero essere necessari più di 30 anni per ricordare il nome Abraham Gumbel. L'Abraham Gumbel Hall è stata inaugurata nel 2013 con il nuovo edificio della Volksbank sull'Allee.

[...]

Fonte: articolo nella voce Heilbronn del 17 agosto 2019 di Christian Gleichauf, https://www.stimme.de/heilbronn/nachrichten/region/Abraham-Gumbel-Revolutionaerer-Bankier-Sozialdemokrat-und-Pazifist;art140897,4236933

Vedi anche: http://erich-schairer.de/abraham-gumbel-gestorben/

e: https://de.wikipedia.org/wiki/Abraham_Gumbel